AGENZIA DELLE ENTRATE. CREDITO DI IMPOSTA PARI AL 30% PER GLI ESERCENTI ATTIVITÀ D’IMPRESA OPERANTI NELL’INDUSTRIA TESSILE E DELLA MODA, DELLA PRODUZIONE CALZATURIERA E DELLA PELLETTERIA (SETTORE TESSILE, MODA E ACCESSORI).

DESCRIZIONE DEL BANDO 

Il Ministero, al fine di contenere gli effetti negativi derivanti dalle misure di prevenzione e contenimento adottate per l’emergenza epidemiologica da COVID-19 sulle rimanenze finali di magazzino nei settori contraddistinti da stagionalità e obsolescenza dei prodotti, ha riconosciuto un contributo, nella forma di credito di imposta, ai soggetti esercenti attività d’impresa operanti nell’industria tessile e della moda, della produzione calzaturiera e della pelletteria (settore tessile, moda e accessori).

Soggetti beneficiari

Soggetti, esercenti attività d’impresa, operanti nell’industria tessile e della moda, della produzione calzaturiera e della pelletteria (settore tessile, moda e accessori) con i Codici Ateco indicati nel bando.

Entità e forma dell’agevolazione

Per l’incentivo sono messi a disposizione 245 milioni di euro.

Il credito d’imposta è riconosciuto limitatamente ai periodi di imposta 2020 e 2021 e nella misura del 30% del valore delle rimanenze finali di magazzino, eccedente la media del valore registrato nei 3 anni precedenti a quello di spettanza del beneficio.

Scadenza

La comunicazione per la fruizione del credito potrà avvenire:

  • dal 29 ottobre 2021 al 22 novembre 2021, con riferimento al periodo d’imposta in corso alla data di entrata in vigore delle disposizioni di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 9 marzo 2020; 
  • dal 10 maggio 2022 al 10 giugno 2022, con riferimento al periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2021.