CCIAA DI FIRENZE. BANDO RIPARTIAMO IN SICUREZZA. FINANZIAMENTO A FONDO PERDUTO PARI AL 50% A SOSTEGNO DELLA RIPARTENZA IN SICUREZZA DELLE MPMI DELLA CITTA’ METROPOLITANA DI FIRENZE A SEGUITO DELL’EMERGENZA SANITARIA COVID-19 – ANNO 2021.

DESCRIZIONE DEL BANDO 

Con il presente disciplinare si intendono finanziare, tramite l’utilizzo di contributi a fondo perduto, le seguenti azioni:

 

A. Formazione in materia di sicurezza dei luoghi di lavoro con riferimento al rischio epidemiologico;

B. Servizi di consulenza e specialistici inerenti la sicurezza dei luoghi di lavoro;

C. Ripartenza in sicurezza.

Soggetti beneficiari

Sono ammissibili alle agevolazioni i soggetti che, alla data di presentazione della domanda, presentino i seguenti requisiti:
a) siano Micro o Piccole o Medie imprese
b) abbiano sede legale e/o unità locali nella circoscrizione territoriale della Camera di Commercio di Firenze

Tipologia di interventi ammissibili

Sono ammesse a contributo le seguenti spese, al netto dell’IVA, fatturate e pagate a partire dal 1° gennaio 2021:
  1. Spese per la formazione del personale in materia di sicurezza dei luoghi di lavoro (ad eccezione della formazione obbligatoria) con riferimento al rischio epidemiologico;
  2. Spese per servizi di consulenza e specialistici inerenti la sicurezza dei luoghi di lavoro:
  • Spese per consulenze per aggiornamento Documento di valutazione dei rischi e dell’ulteriore documentazione di anche al fine di prevedere l’inserimento e la gestione del rischio di contagio epidemiologico (con esclusione di spese relative agli incarichi di RSPP);
  • Spese per studi, consulenze e servizi per ridefinire l’organizzazione degli spazi di lavoro riducendo la prossimità fisica degli addetti e offrendo maggiori garanzie di sicurezza per chi lavora in azienda e per chi viene a contatto con i luoghi di svolgimento dell’attività di impresa.

 

  1. Spese per la ripartenza in sicurezza:
  • Acquisto di dispositivi di sicurezza atti a garantire la distanza interpersonale e la sicurezza nei luoghi di lavoro (es. divisori in plexiglass o altro materiale) comprese eventuali opere edili finalizzate all’installazione dei medesimi e materiale segnaletico;
  • Acquisto/noleggio di impianti, macchinari e attrezzature per igienizzare/sanificare in autonomia ambienti, strumenti ed indumenti di lavoro;
  • Spese per interventi di igienizzazione e/o sanificazione degli ambienti (escluso pulizie ordinarie), degli strumenti e degli indumenti di lavoro;
  • Acquisto di dispositivi per la misurazione della temperatura corporea senza contatto (es. termoscanner a raggi infrarossi, ecc.) e DPI (es. mascherine, guanti, visiere, camici, copriscarpe, ecc.);
  • Acquisto di soluzioni disinfettanti per l’igiene delle persone e per la disinfezione/sanificazione degli ambienti (es. soluzioni idroalcoliche o a base di cloro);
  • Spese per test sierologici, tamponi, ecc.

Entità e forma dell’agevolazione

Le risorse complessivamente stanziate dalla Camera di Commercio a disposizione dei soggetti beneficiari ammontano ad € 417.702,00.

Il contributo camerale sarà pari al 50% delle spese ammissibili, con un minimo di spesa di euro 500,00 (esclusa Iva) e un massimale di contributo di euro 2.000,00 per ciascuna impresa richiedente.