CCIAA DI MILANO, MONZA, BRIANZA E LODI. BANDO AGEVOLACREDITO 2022. FINANZIAMENTO A FONDO PERDUTO PER L’ABBATTIMENTO DEL TASSO DI INTERESSE PER IL FINANZIAMENTO DI INVESTIMENTI.

DESCRIZIONE DEL BANDO 

Il bando “AgevolaCredito 2022” ha lo scopo di promuovere e sostenere l’accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese (MPMI), per il tramite dei Consorzi e delle Cooperative di garanzia collettiva fidi, accreditati al bando.

Il bando prevede 5 linee di intervento:

  1. Contributi per l’abbattimento del tasso di interesse per il finanziamento di investimenti
  2. Contributi per l’abbattimento del tasso di interesse per il finanziamento di operazioni di patrimonializzazione aziendale
  3. Contributi per l’abbattimento del costo della garanzia prestata dai Confidi per gli interventi 1, 2 e 5
  4. Contributi per l’abbattimento del tasso di interesse sui finanziamenti erogati direttamente dai Confidi
  5. Contributi per l’abbattimento del tasso di interesse per operazioni di razionalizzazione e consolidamento della situazione debitoria

Soggetti beneficiari

I beneficiari sono micro, piccole o medie imprese con sede legale (per intervento 1, 2, 4 e 5) e/o unità locali (per il solo intervento 1) nella circoscrizione territoriale della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi.

Tipologia di interventi ammissibili

Sono agevolabili i finanziamenti destinati alla realizzazione dei seguenti programmi/operazioni:

Intervento 1 Investimenti

• avvio di attività imprenditoriale e acquisto di attività preesistente

• realizzazione di progetti aziendali concernenti l’innovazione di prodotto, tecnologica o organizzativa

• realizzazione di progetti aziendali innovativi che, attraverso l’introduzione di nuove tecnologie o di originali soluzioni organizzative, portino a conseguire una misurabile e consistente riduzione, all’interno ed all’esterno dell’azienda, dell’impatto ambientale in termini di emissioni d’aria, acqua, rifiuti, rumore

• incremento e/o miglioramento della capacità produttiva attraverso l’ammodernamento, l’ampliamento dei processi aziendali e delle strutture operative

• realizzazione di percorsi di certificazione inerenti sia l’impresa che un prodotto specifico

• incremento/implementazione di sistemi di sicurezza e sorveglianza

• al miglioramento organizzativo e gestionale attraverso l’adeguamento strumentale e tecnologico del sistema informativo.

Le tipologie di spesa agevolabili sono le seguenti:

• acquisto/ristrutturazione di immobili (esclusi i terreni) e/o fabbricati solo se negli stessi si svolge l’attività dell’impresa o questa verrà svolta entro sei mesi dalla data di presentazione della domanda

• acquisto, rinnovo, adeguamento di impianti, macchinari, attrezzature industriali e commerciali

• acquisto di sistemi informatici di gestione (hardware e software)

• spese per la realizzazione di siti e sistemi web propri dell’azienda, all’erogazione di propri servizi web su Internet, all’attivazione di procedure di commercio elettronico tradizionale

• acquisizioni di marchi e brevetti e fee d’ingresso per franchising

• acquisizioni di aziende o di rami d’azienda documentate da contratti di cessione, acquisizione di almeno il 70% di partecipazioni in aziende con attività connessa a quella dell’acquirente, avviamento se acquisito a titolo oneroso

• acquisti di automezzi per un importo pari al costo deducibile ai fini della determinazione del reddito d’impresa

• acquisto di scorte entro il limite massimo del 20% – 40% per le nuove imprese – dell’ammontare complessivo dell’investimento agevolato

• spese per consulenze specialistiche riferite ai programmi di investimenti oggetto dell’agevolazione nel limite del 30% delle stesse • installazione impianti di allarme antintrusione, sorveglianza, ecc.

• acquisto di nuove strutture, impianti e attrezzature per la realizzazione di interventi di riduzione dell’impatto ambientale

• spese per consulenze specialistiche riferite al passaggio da ditta individuale/ società di persone a società di capitali nel limite del 30% delle stesse

• spese notarili riferite al passaggio da ditta individuale/società di persone, a società di capitali

• spese relative alla prototipazione

• spese relative a pubblicità, promozione e partecipazioni a eventi fieristici.

Intervento 1.1 Investimenti digitali

Sono ammissibili i seguenti piani di investimento rivolti:

• adozione di tecnologie informatiche per la promozione e la vendita on line di prodotti e servizi (Mobile & Social eCommerce)

• adozione di tecnologie informatiche che consentano di supportare i processi che coinvolgono partner esterni, anche attraverso tecnologie di cloud computing (Extended Enterprise)

• adozione di soluzioni digitali innovative, che comprendano tecnologie e contenuti digitali, per la vendita e la promozione di prodotti e servizi (Dettaglio Digitale)

• adozione di soluzioni telecontrollo riscaldamento, gestione scenari e più in generale energy management (Smart Building)

• adozione di tecnologie digitali avanzate a supporto dei processi produttivi caratteristici dell’azienda (Produzione digitale)

• adozione di tecnologie finalizzate alla gestione di grandi quantità di dati direttamente in rete (Cloud)

• adozione di tecnologie digitali a supporto della tracciabilità dei prodotti e tecnologie per la gestione automatizzata del magazzino

• adozione di tecnologie IoT per i sistemi di produzione per migliorare la flessibilità, la capacità di interazione con l’operatore umano e la gestione in remoto di asset di valore (Smart and Digital Factories)

• adozione di tecnologie che garantiscono sicurezza durante le operazioni in rete e su sistemi in cloud (Cybersicurezza e business continuity)

• adozione di soluzioni IoT volte ad aumentare la sicurezza sul lavoro e negli spazi aperti al pubblico (Safety)

• adozione di Sistemi informativi e gestionali es. ERP, MES, PLM SCM, CRM

• adozione di tecnologie IoT finalizzate alla gestione ottimale delle risorse ambientali Smart Environment

• adozione di tecnologie IoT finalizzati alla tracciabilità e la gestione delle produzioni e il monitoraggio agrometeorologico dell’ambiente di coltivazione (Agricoltura digitale)

• adozione di servizi, strumenti e tecnologie ICT per gestire e valorizzare grandi quantità di dati (Big Data)

• adozione di tecnologie per l’utilizzo di apparecchiature di comunicazione tra operatore/operatori e sistema produttivo, dispositivi di realtà aumentata e virtual reality (Dispositivi wearable)

• adozione di tecnologie per applicazioni che consentono alle macchine di mostrare un’abilità e/o attività intelligente in campi specifici (Artificial intelligence & machine learning).

Le tipologie di spesa agevolabili sono le seguenti:

• Acquisti di Software di sistema e software applicativo e licenze software

• Acquisti di infrastrutture abilitanti: Hardware, PC, Server, macchine virtuali, stampanti 3D

• Acquisti interfacce digitali funzionali all’analisi dei dati

• Spese per servizi: system integration, personalizzazione del software, consulenza di processo;

• Spese/canone per servizi di accesso al cloud

• Acquisti di Infrastrutture, apparecchiature e servizi per protezione dati

• Acquisti di apparecchiature e apparti di rilevamento dati per i dispositivi della rete elettrica

• Investimenti in implementazione di strutture sensoristiche per sviluppare l’IoT sia nel settore della manifattura che in quello dei servizi es. linea di produzione, retail digitale (vetrine digitali, scaffali virtuali, digital mirror) etc.

• Acquisto di dispositivi di realtà aumentata e virtual reality

• Realizzazione di APP funzionali ad altre infrastrutture funzionali al BtoB

Intervento 2 Patrimonializzazione

Sono ammissibili tre tipi di operazioni di patrimonializzazione:

1.Aumento di capitale sociale

2.Versamento soci in conto capitale

3.Finanziamento soci

Intervento 3

Sono agevolabili le spese sostenute dall’impresa per l’ottenimento del servizio di garanzia dei Confidi

Intervento 4

Il finanziamento è erogato direttamente dai Confidi, sia per finalità di liquidità che di investimento

Intervento 5 Operazioni di consolidamento e ristrutturazione del debito

Sono ammissibili le operazioni di razionalizzazione e consolidamento del debito effettuate tramite i Confidi, finalizzate a migliorare l’esposizione debitoria dell’impresa. A tal fine, la domanda sarà corredata dalla dichiarazione del Confidi referente, in merito all’analisi finanziaria svolta (ad es, verifica della situazione debitoria aziendale complessiva, verifica della sostenibilità dell’indebitamento complessivo per flussi di cassa, indirizzamento verso dei comportamenti virtuosi, alert a situazioni di sovraindebitamento) e al beneficio che l’operazione produce sulla gestione finanziaria dell’impresa.

Per poter partecipare a questa misura l’impresa deve obbligatoriamente autovalutare il proprio standing finanziario tramite il self assesment messo a disposizione da Camera di commercio-Innexta e partecipare al percorso finanza la tua impresa. Inoltre, per quanto riguarda esclusi.

L’Intervento 1 (agevolazione del finanziamento degli investimenti) sono previste premialità per le nuove imprese e per gli investimenti digitali.

In sintesi gli interventi 1, 2, 4 e 5 prevedono l’assegnazione di un contributo volto a ridurre il tasso di interesse effettivo dell’investimento/finanziamento agevolato. L’intervento 3 prevede la riduzione del costo della garanzia prestata per gli interventi 1, 2 e 5.

Le imprese partecipanti saranno invitate, senza obbligo di partecipazione, a uno o più incontri del percorso camerale “Finanzia la tua Impresa” e potranno usufruire di un tool di autovalutazione della propria situazione economico-finanziaria messo a disposizione dalla Camera di Commercio. Per il solo intervento 5 sarà obbligatorio partecipare ad almeno un incontro del percorso ed eseguire il test di autovalutazione della propria situazione finanziaria.

Entità e forma dell’agevolazione

La dotazione finanziaria messa a disposizione per il presente bando è di € 400.000,00 così suddivisa:

• per le misure 1 e 2: € 240.000,00

• per la misura 3: € 40.000,00

• per la misura 4: € 60.000,00

• per la misura 5: € 60.000,00.

Ogni impresa può beneficiare di un contributo massimo complessivo – dato dalla somma dei contributi per l’abbattimento del tasso di interesse e la riduzione del costo della garanzia – pari a 12.000 euro.

L’abbattimento del costo della garanzia non può superare l’importo di 3.000 euro.