CCIAA DI MILANO MONZA BRIANZA LODI. BANDO AGEVOLA CREDITO 2019. FINANZIAMENTO A TASSO AGEVOLATO E CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A SOSTEGNO DELLE MPMI PER L’ACCESSO AL CREDITO

DESCRIZIONE COMPLETA DEL BANDO 

La Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi  in collaborazione con il Comune di Milano intende promuovere e sostenere l’accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese attraverso i seguenti interventi:

Intervento 1 “programmi di investimenti produttivi” destinati all’erogazione di contributi in conto abbattimento tassi di interesse;

Intervento 2 “operazioni di patrimonializzazione aziendale” destinati all’erogazione di contributi in conto abbattimento tassi di interesse;

Intervento 3 “ contributi per l’abbattimento del costo della garanzia (per operazioni riferite all’intervento 1 – investimenti e all’intervento 2 – patrimonializzazione aziendale) prestata da Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi: stanziati dalla Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi. Inoltre, è previsto un servizio di consulenza e accompagnamento alle imprese, circa l’analisi dell’equilibrio economico-finanziario, finalizzato all’ottimizzazione della struttura finanziaria dell’impresa.

SOGGETTI BENEFICIARI

Possono accedere ai contributi del seguente Bando le imprese di tutti i settori, che presentino i seguenti requisiti:

  • abbiano sede legale iscritta al Registro Imprese della Camera di Commercio di Milano Monza-Brianza Lodi;
  • non siano in stato di liquidazione e non siano sottoposte ad alcuna procedura concorsuale;
  • siano in regola con la denuncia di inizio attività;
  • siano in regola con il pagamento del diritto camerale;
  • siano in regola con il versamento dei contributi previdenziali dei dipendenti;

TIPOLOGIA DI SPESE AMMISSIBILI

I finanziamenti agevolati dal contributo camerale devono essere destinati alla realizzazione dei seguenti programmi/operazioni:

INTERVENTO 1 INVESTIMENTI:

Sono ammissibili i seguenti piani di investimento rivolti:

– all’avvio di attività imprenditoriale e acquisto di attività preesistente;

– alla realizzazione di progetti aziendali concernenti l’innovazione di prodotto, tecnologica o organizzativa;

– alla realizzazione di progetti aziendali innovativi che, attraverso l’introduzione di nuove tecnologie o di originali soluzioni organizzative, portino a conseguire una misurabile e consistente riduzione, all’interno ed all’esterno dell’azienda, dell’impatto ambientale in termini di emissioni d’aria, acqua, rifiuti, rumore;

– all’incremento e/o miglioramento della capacità produttiva attraverso l’ammodernamento, l’ampliamento dei processi aziendali e delle strutture operative;

– alla realizzazione di percorsi di certificazione inerenti sia l’impresa che un prodotto specifico;

– all’incremento/implementazione di sistemi di sicurezza e sorveglianza;

– al miglioramento organizzativo e gestionale attraverso l’adeguamento strumentale e tecnologico del sistema informativo;

– adozione di tecnologie informatiche per la promozione e la vendita on line di prodotti e servizi (Mobile & Social eCommerce);

– adozione di tecnologie informatiche che consentano di supportare i processi che coinvolgono partner esterni, anche attraverso tecnologie di cloud computing (Extended Enterprise);

– adozione di soluzioni digitali innovative, che comprendano tecnologie e contenuti digitali, per la vendita e la promozione di prodotti e servizi (Dettaglio Digitale);

– adozione di soluzioni telecontrollo riscaldamento, gestione scenari e più in generale energy management (Smart Building);

– adozione di tecnologie digitali avanzate a supporto dei processi produttivi caratteristici dell’azienda (Produzione digitale);

– adozione di tecnologie finalizzate alla gestione di grandi quantità di dati direttamente in rete (Cloud);

– adozione di tecnologie digitali a supporto della tracciabilità dei prodotti e tecnologie per la gestione automatizzata del magazzino;

– adozione di tecnologie IoT per i sistemi di produzione per migliorare la flessibilità, la capacità di interazione con l’operatore umano e la gestione in remoto di asset di valore 8 (Smart and Digital Factories);

– adozione di tecnologie che garantiscono sicurezza durante le operazioni in rete e su sistemi in cloud (Cybersicurezza e business continuity);

– adozione di soluzioni IoT volte ad aumentare la sicurezza sul lavoro e negli spazi aperti al pubblico (Safety) ;

-adozione di Sistemi informativi e gestionali es. ERP, MES, PLM SCM, CRM;

– adozione di tecnologie IoT finalizzate alla gestione ottimale delle risorse ambientali Smart Environment;

– adozione di tecnologie IoT finalizzati alla tracciabilità e la gestione delle produzioni e il monitoraggio agrometeorologico dell’ambiente di coltivazione (Agricoltura digitale);

– adozione di servizi, strumenti e tecnologie ICT per gestire e valorizzare grandi quantità di dati (Big Data);

– adozione di tecnologie per l’utilizzo di apparecchiature di comunicazione tra operatore/operatori e sistema produttivo, dispositivi di realtà aumentata e virtual reality (Dispositivi wearable);

– adozione di tecnologie per applicazioni che consentono alle macchine di mostrare un’abilità e/o attività intelligente in campi specifici (Artificial intelligence & machine learning);

INTERVENTO 2: PATRIMONIALIZZAZIONE:

Sono ammissibili tre tipi di operazioni di patrimonializzazione:

1.Aumento di capitale sociale;

2.Versamento soci in conto capitale;

3.Finanziamento soci.

INTERVENTO 3: ABBATTIMENTO COSTI DI GARANZIA:

Ai fini dell’ammissibilità al contributo, il costo della garanzia (comprensivo di spese di istruttoria e gestione pratica, parte variabile, fondo rischi non restituibile, eventuali fondi rischi restituibili in base alla rischiosità del portafoglio), sostenuta esclusivamente dalle imprese che effettuano un’operazione di patrimonializzazione, non può essere in ogni caso superiore al 2,5% dell’ammontare del finanziamento bancario erogato in ragione d’anno (elevato al 3% per le imprese start-up ).

ENTITA’ E FORMA DELL’AGEVOLAZIONE

Per gli interventi 1 e 2 l’agevolazione è concessa sotto forna di finanziamentio a tasso agevolato.

Intervento Ammontare del finanziamento agevolabile (valori minimi e massimi) Tasso massimo applicabile al finanziamento: Euribor 6 mesi Durata del finanziamento (in mesi) Data di stipula del finanzimaneto
Intervento 1 Min. € 10.000

Max. € 300.000

+ uno spread del 4% Da 36 a 60 Dal 01/01/2018
Intervento 2 Min. € 25.000

Max. € 300.000

+ uno spread del 3,7% Da 36 a 60 Dal 01/01/2018

Le imprese che ottengono il contributo in abbattimento tassi di interesse per interventi 1 e/o 2 , possono ottenere anche un contributo a fondo perduto sul costo della garanzia, pari al 50% del costo della stessa (al netto dell’IVA) fino ad un massimo di 3.000 euro, al lordo della ritenuta d’acconto del 4%.

SCADENZA

Le domande di sostegno possono essere presentate fino ad esaurimento fondi.