CCIAA DI TREVISO-BELLUNO. BANDO PER LA DIGITALIZZAZIONE i4.0. TERZA EDIZIONE. FINANZIAMENTO A FONDO PERDUTO FINO AL 60% PER LA DIFFUSIONE E LA PRATICA DIGITALE NELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMRESE.

DESCRIZIONE DEL BANDO 

La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Treviso-Belluno, con lo scopo di promuovere la diffusione della cultura e della pratica digitale nelle micro, piccole e medie imprese (MPMI), di tutti i settori economici attraverso:

 

  • la diffusione della “cultura digitale” tra le MPMI della circoscrizione territoriale camerale;
  • l’innalzamento della consapevolezza delle imprese sulle soluzioni possibili offerte dal digitale e sui loro benefici;
  • il sostegno economico alle iniziative di digitalizzazione in ottica Impresa 4.0  implementate dalle aziende del territorio in parallelo con i servizi offerti dai Punti Impresa Digitale-PID,

 

ha indetto la terza edizione del Concorso.

Soggetti beneficiari

Vi possono partecipare le microimprese, le piccole imprese e le medie imprese aventi sede legale e/o unità locali nella circoscrizione territoriale della Camera di commercio di Treviso-Belluno, in regola con il pagamento del diritto annuale e con la comunicazione di inizio attività.

Tipologia di interventi ammissibili

Il Bando prevede due Misure:

 

  • nella Misura A sono ammissibili i costi sostenuti per l’acquisizione di servizi di consulenza finalizzati all’introduzione delle tecnologie di innovazione tecnologica I4.0 nonché delle tecnologie propedeutiche e complementari.
  • nella Misura B sono ammissibili spese sostenute per l’acquisto dei beni strumentali.

Sono ammissibili gli interventi avviati dal 01.01.2021 nonché le spese sostenute fino al termine ultimo per la presentazione della domanda di contributo.

Entità e forma dell’agevolazione

Il Bando è dotato di un fondo complessivo di € 522.000,00 e prevede l’erogazione di contributi a fondo perduto secondo i valori riportati nella seguente tabella:

 

Misura Investimento minimo Importo massimo del contributo
a) acquisto di servizi di consulenza euro 4.000,00 euro   6.000,00
b) acquisto di beni strumentali euro 5.000,00 euro 12.000,00
Importo massimo del contributo erogabile   euro 18.000,00

 

Il contributo massimo concedibile a ciascuna impresa sarà pari al 50% della spesa effettivamente ammissibile, al netto di IVA e di altre imposte e tasse.

Qualora l’impresa richiedente, alla data di pubblicazione del Bando, risulti in possesso dell’attribuzione del “Rating di Legalità”, fermo restando l’importo dell’investimento minimo, l’intensità dell’aiuto sarà pari al 60% della spesa ammissibile.

Scadenza

Le domande potranno essere inviate entro il 30 Novembre 2021, salvo esaurimento fondi.