CCIAA delle Marche. Finanziamento a fondo perduto pari al 70% per il ripopolamento delle aree interne attraverso l’avvio/trasferimento di impresa o di unità locale.

Descrizione Bando

Commercio. Il bando propone un intervento a sostegno dei borghi dell’entroterra marchigiano con l’obiettivo di incentivare l’attività economica e lo sviluppo dell’imprenditorialità.

Soggetti beneficiari

Sono ammesse a contributo del presente bando le imprese individuali, le società di persone e di capitali, le cooperative, appartenenti al settore del commercio (Codice ATECO 47), che:

1) In caso di trasferimento di sede o unità locale, o apertura nuova unità locale (in cui si svolge attività del commercio):

• risultino iscritte e attive al Registro delle Imprese;

• risultino in regola con il pagamento del diritto annuale (nel caso di irregolarità con il pagamento del diritto annuale, l’azienda potrà procedere alla regolarizzazione entro il termine perentorio di 10 giorni dalla data di comunicazione dell’Ente camerale, pena l’esclusione dal contributo);

• non siano sottoposte a fallimento, concordato fallimentare, liquidazione coatta amministrativa, amministrazione straordinaria, concordato preventivo con effetti liquidatori;

• risultino in regola con gli obblighi contributivi per quanto riguarda la correttezza nei pagamenti e negli adempimenti previdenziali, assistenziali ed assicurativi nei confronti di INPS, INAIL e CNCE come comprovato da apposita visura Durc (se ne consiglia la consultazione prima della presentazione della domanda);

• non abbiano in corso contratti di fornitura di beni-servizi, anche a titolo gratuito, con la Camera di Commercio delle Marche.

2) In caso di avvio nuova impresa:

  • Il titolare o legale rappresentante non sia stato sottoposto a fallimento, concordato fallimentare, liquidazione coatta amministrativa, amministrazione straordinaria, concordato preventivo con effetti liquidatori, negli ultimi 5 anni;
  • Il titolare o legale rappresentante non abbia partecipazioni in altre società o imprese famigliari;
  • Il titolare o legale rappresentante risulti inoccupato o disoccupato, NEET;
  • Che non sia percettore di redditi di cittadinanza o altre forme di sussistenza sociale alla data di avvio della nuova impresa.

Tipologia di interventi ammissibili

Sono finanziabili i seguenti interventi:

● Avvio di nuova impresa commerciale (Codice ATECO 47) o nuova unità locale di impresa appartenente al settore commercio (Codice Ateco 47) con sede in uno dei borghi di cui al punto Aree interessate;

● Trasferimento di impresa commerciale (Codice ATECO 47) o di unità locale di impresa appartenente al settore commercio (Codice ATECO 47) in uno dei borghi di cui al punto Aree interessate.

I comuni interessati sono indicati nel bando.

Più specificamente saranno ritenute ammissibili:

● Spese di costituzione (onorario notarile, assicurazione per copertura di rischi inerenti l’utilizzo di risorse umane e strumentali impiegate nel progetto di impresa);

● Spese per l’acquisto di attrezzature e beni mobili, funzionali allo svolgimento dell’attività commerciale;

● Spese relative alle consulenze tecniche (consulenza fiscale, gestionale e marketing tradizionale e digitale ecc);

● Spese per la frequenza di attività formative collettive o individuali di soggetti coinvolti, collegati allo svolgimento dell’attività commerciale;

● Spese per pubblicità;

● Spese per l’acquisto di hardware e software (finalizzati all’informatizzazione ed all’allacciamento a reti informatiche dell’unità commerciale);

● Spese per l’acquisto di brevetti o licenze d’uso;

● Spese per eventuale trasloco in caso di trasferimento UL;

● Spese per Certificazioni Emas Ecolabel.

Entità e forma dell’agevolazione

Il bando mette a disposizione € 200.000,00 nel 2021, oltre all’integrazione € 500.000,00 conferite dalla Regione Marche per un totale di € 700.000,00

Il contributo erogabile a favore dei destinatari del bando corrisponde al 70% delle spese effettivamente sostenute, fino ad un massimo di 8.000,00 euro; Le spese devono essere sostenute dopo l’apertura del bando. Spesa minima sostenuta: € 5.000,00.

E’ prevista una premialità nei casi di:

1) domanda presentata da persona fisica di età non superiore a 36 anni;

2) domanda presentata da imprenditrice donna è prevista una premialità di 1.000,00 euro in più rispetto al contributo di base.

La premialità 1) o 2) si aggiunge al contributo base, che pertanto è incrementabile fino ad un massimo di € 9.000,00 (seimila euro), fatto salvo il limite delle spese sostenute ed ammesse a rendiconto.

Scadenza

Presentazione domande fino al 31 maggio 2022, ore 19:00.

Sono state apportate alcune modifiche al testo del presente avviso pubblico, che includono, tra le altre, la proroga del termine per la presentazione delle domande di contributo al 30 novembre 2022.