CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER L’ATTRAZIONE DI INVESTIMENTI ESTERI IN PIEMONTE.

DESCRIZIONE COMPLETA DEL BANDO

Favorire l’atterraggio e lo sviluppo di investimenti da parte di imprese a controllo estero, con nuovi insediamenti
o espansioni di stabilimenti produttivi, centri di ricerca e centri servizi che generino nuova occupazione qualificata, sostenendo progetti di ricerca e sviluppo o investimenti iniziali da realizzarsi presso la sede oggetto di intervento.

SOGGETTI BENEFICIARI 
Grandi imprese a controllo estero che intendono investire in Piemonte generando una significativa ricaduta occupazionale.

Tipologia di interventi ammissibili
La misura sostiene l’insediamento o l’ampliamento, in Piemonte, di uno stabilimento produttivo o di un centro di ricerca o di un centro direzionale o di un centro servizi, in cui sia svolta un’attività che comporti una ricaduta occupazionale prevalentemente qualificata di almeno 15 addetti.

Nel caso di aziende estere già presenti in Piemonte, il calcolo della ricaduta occupazionale è effettuato con riferimento all’unità locale oggetto di investimento.

TIPOLOGIA DI SPESE AMMISSIBILI 
A. PROGETTI DI RICERCA E SVILUPPO

Costi ammissibili per Impresa Beneficiaria(Grande impresa a controllo estero):
– costi del personale (ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario) nella misura in cui essi siano impiegati nel progetto o attività interessati;
– il valore dei macchinari, delle strumentazioni e delle attrezzature in proporzione al loro costo di noleggio, locazione, o ammortamento, nella misura massima del 10% dei costi del personale e nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto;

– i costi della ricerca contrattuale, delle competenze tecniche e dei brevetti, acquisiti o ottenuti in licenza da fonti esterne a prezzi di mercato, utilizzati esclusivamente ai fini dell’attività di ricerca, nella misura massima del 10% dei costi del personale;
– costi per materiali di consumo e forniture di prodotti analoghi direttamente imputabili alla realizzazione dei prototipi e/o impianti pilota, inclusi componenti, e loro lavorazioni, nella misura massima del 10% dei costi del personale.

Costi ammissibili per l’Organismo di Ricerca:
Per un importo minimo pari al 10% delle spese del progetto complessivo realizzato in collaborazione con l’impresa Beneficiaria, i costi ammissibili per l’Organismo di ricerca che collabora al progetto sono:
– costi del personale (ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario) nella misura in cui esso sia impiegato nel progetto di ricerca e sviluppo;
– spese generali e altri costi di esercizio, compresi i costi dei materiali, delle forniture e di prodotti analoghi, direttamente imputabili al progetto, nella misura massima del 15% dei costi complessivi sostenuti dall’Organismo di ricerca.

Costi ammissibili per la PMI: Per un importo minimo pari al 30% delle spese del progetto complessivo realizzato in collaborazione con l’impresa Beneficiaria, i costi ammissibili per la PMI che collabora al progetto sono:
– costi del personale (ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario) nella misura in cui essi siano impiegati nel progetto o attività interessati;
– il valore dei macchinari, delle strumentazioni e delle attrezzature dedicate alla ricerca nella misura massima del 15% dei costi complessivi sostenuti dalla PMI e nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto;
– i costi della ricerca contrattuale, delle competenze tecniche e dei brevetti, nella misura massima del 15% dei costi complessivi sostenuti dalla PMI;
– costi per materiali di consumo e forniture di prodotti analoghi direttamente imputabili alla realizzazione dei prototipi e/o impianti pilota, inclusi componenti, e loro lavorazioni, nella misura massima 15% dei costi complessivi sostenuti dalla PMI.

B. INVESTIMENTI INIZIALI A FAVORE DI UNA NUOVA ATTIVITA’ ECONOMICA

Le spese ammissibili per investimenti iniziali, da realizzare entro 36 mesi dalla data di sottoscrizione del contratto per un importo minimo pari a € 2.000.000 e massimo pari a € 50.000.000, sono relative a:

– acquisto di immobili già esistenti nel limite massimo del 20% del progetto ammesso, o di aree già previste in strumenti urbanistici con destinazione produttiva, nel limite massimo del 10% dell’importo complessivo del progetto ammesso;
– opere murarie e assimilate finalizzate alla ristrutturazione dell’immobile acquistato, nel limite massimo del 30% dell’importo complessivo del progetto, o per la costruzione del nuovo immobile in area già prevista in strumenti urbanistici con destinazione industriale, nel limite massimo del 15% del progetto ammesso;
– macchinari, impianti generici e specifici, attrezzature destinati al progetto ammesso;
– software e programmi informatici specifici e dedicati alla attività produttiva, nel limite massimo del 10% dei costi complessivi del progetto ammesso.

ENTITA’ E FORMA DELL’AGEVOLAZIONE 
La presente misura è finanziata con Fondi regionali per un importo iniziale pari a 8.000.000,00.

Beneficiario

Modalità

Contributo a fondo

perduto (ESL)

Limite massimo di contributo

Grande Impresa, in qualsiasi area

Senza collaborazione

25%

in base alle soglie occupazionali

Grande Impresa, in qualsiasi area

Collaborazione

40%

in base alle soglie occupazionali

Organismo di ricerca (che non svolge attività economica)

Collaborazione

80%

€400.000

Piccola impresa

Collaborazione

60 %

€ 600.000

Media Impresa

Collaborazione

50%

€ 700.000

SCADENZA 
La Misura opera con modalità a sportello, e la valutazione dei progetti viene effettuata secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande.

La presentazione delle domande può essere effettuata a partire dal 23 dicembre 2015.

FINO AD ESAURIMENTO FONDI