Finanziamento a fondo perduto per il credito di esercizio a favore delle imprese agricole del Veneto.

Descrizione Bando

Il bando eroga contributi in conto interessi sui prestiti a breve termine contratti dalle imprese agricole venete per le necessità legate all’anticipazione delle spese per la conduzione aziendale fino alla vendita dei prodotti.

Infatti l’avviso pubblico intende fornire uno strumento agevolativo a favore delle imprese agricole, volto ad attivare un meccanismo di credito agevolato che supporti l’azienda nella gestione ordinaria della propria attività economica.

Soggetti beneficiari

Possono usufruire dell’aiuto de minimis le imprese agricole, attive nella produzione primaria di prodotti agricoli, che:

a) siano condotte da imprenditore agricolo;

b) conducano un’azienda, in Veneto, con dimensioni economica pari ad almeno 12.000 euro di Produzione Standard totale in zona montana e ad almeno 15.000 euro di Produzione Standard totale nelle altre zone.

c) siano iscritte al registro delle imprese presso la C.C.I.A.A.;

d) siano iscritte all’Anagrafe regionale del Settore primario, con posizione debitamente validata.

Tipologia di interventi ammissibili

Il meccanismo di intervento prevede la concessione di contributi in conto interessi sui prestiti a breve termine contratti dalle imprese agricole venete per le necessità legate all’anticipazione delle spese per la conduzione aziendale fino alla vendita dei prodotti.

Sono ammissibili all’agevolazione i prestiti a breve termine contratti dalle imprese agricole per sostenere le spese anticipate per il completamento del ciclo produttivo-colturale fino alla vendita dei prodotti.

Entità e forma dell’agevolazione

L’importo destinato al finanziamento è quantificato, salvo ulteriori futuri stanziamenti, in € 900.000,00.

L’importo massimo del prestito, per cui può essere riconosciuta l’agevolazione, è determinato in modo forfetario mediante un calcolo di tipo sintetico che prende a riferimento l’unità di superficie per coltura e per tipo di prodotto e il numero dei capi allevati, secondo i parametri riportati nel bando.

Il prestito di conduzione che può beneficiare dell’aiuto non può essere inferiore a 10.000 Euro per azienda, mentre l’importo massimo non potrà superare quello calcolato forfetariamente, come indicato sopra.

L’aiuto finanziario regionale, quantificato nella misura massima di 2.500 Euro, è erogato sotto forma di concorso sugli interessi a fronte di un prestito della durata massima di 12 mesi. L’aiuto finanziario regionale, in ogni caso, non potrà essere superiore all’ammontare degli interessi richiesti dalla banca per il prestito a breve termine concesso, come stabilito nel contratto di prestito.
Ai fini della presente azione agevolativa, il contributo massimo è calcolato al tasso di riferimento per il credito di esercizio fino a dodici mesi in vigore alla data di pubblicazione del provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto, incrementato, al massimo, di 0,5 punti percentuali.

Scadenza

18 dicembre 2022