FONDO UNICO PER LO SVILUPPO DEL MOLISE. FONDO PER LA CONCESSIONE DI GARANZIE DIRETTE SU FINANZIAMENTI ALLE PMI FINALIZZATI AL SOSTEGNO DELLA LIQUIDITÀ D’IMPRESA, DEL CAPITALE DI ESERCIZIO E DELLO SMOBILIZZO DEI CREDITI VANTATI NEI CONFRONTI DELLA P.A.

DESCRIZIONE DEL BANDO 

Le garanzie sono concedibili verso tutte le forme di finanziamento aventi caratteristiche definite, finalizzate a sostenere in misura temporanea la liquidità aziendale, il capitale di esercizio, lo smobilizzo dei crediti vantati verso la P.A. e il reintegro del capitale circolante.

Soggetti beneficiari

Possono beneficiare delle agevolazioni di cui al presente Regolamento esclusivamente le imprese aventi sede legale e/o operativa nel territorio della regione Molise, nel rispetto delle condizioni di ammissibilità e dei massimali di aiuto previsti dalla normativa “de minimis” o, in alternativa, dalla normativa sugli “aiuti a finalità regionale” e sugli “aiuti in esenzione”, nonché delle ulteriori limitazioni prescritte dalle normative applicabili a tale Fondo. Le imprese di grandi dimensioni possono beneficiare delle suddette agevolazioni esclusivamente secondo il regime previsto dalla normativa “de minimis”. Tali agevolazioni possono essere concesse anche ad imprese che, pur avendo sede legale in altre regioni, hanno filiali e/o sedi operative in Molise. L’impresa dovrà dimostrare che il finanziamento verrà utilizzato per esigenze finanziarie necessarie per la conduzione delle attività svolte nella regione Molise.

Tipologia di interventi ammissibili

Le operazioni agevolabili fanno riferimento a tutte le possibili forme di intervento finanziario, ad eccezione dell’affidamento di conto corrente, offerte dal sistema creditizio per rafforzare le condizioni di liquidità delle imprese nel breve periodo e consentire ad esse di disporre di un capitale circolante più adeguato a realizzare le prospettive di sviluppo nel medio termine. Tra le forme di intervento finanziario rientrano anche le operazioni di factoring. Inoltre, finalità precipua del presente strumento è altresì quella di consentire alle imprese di smobilizzare i crediti vantati nei confronti della Pubblica Amministrazione, attraverso la concessione della garanzia diretta del Fondo sull’“anticipazione del credito”, erogata dall’istituto finanziatore, attraverso la cessione dello stesso anche attraverso operazioni di factoring.

Tra le finalità conseguibili con il presente Fondo si annoverano, a titolo esemplificativo, la garanzia di prestiti finalizzati ad incrementare per un periodo di tempo definito le proprie scorte, a smobilizzare determinati crediti, a reintegrare il capitale circolante o anche somme anticipate per il sostenimento di investimenti effettuati in anni precedenti, sottratte di fatto al capitale di esercizio.

La durata dell’operazione agevolabile non potrà superare i 72 mesi comprensivo di un periodo di preammortamento non superiore a 12 mesi.

Non potranno essere ammessi alle agevolazioni finanziamenti aventi ad oggetto programmi inferiori ad Euro 10.000,00.

Entità e forma dell’agevolazione

Il Fondo potrà concedere garanzie nella misura massima complessiva dell’60% (sessanta per cento) dell’ammontare di ciascuna delle operazioni sopra indicate, ad eccezione delle operazioni di smobilizzo dei crediti vantati verso la P.A, ed entro i limiti fissati dalla normativa comunitaria.

Il Fondo potrà concedere garanzie nella misura massima complessiva dell’80% (ottanta per cento) dell’ammontare delle operazioni di smobilizzo dei crediti vantati verso la P.A, ed entro i limiti fissati dalla normativa comunitaria.

L’ammontare complessivo della garanzia concedibile non potrà superare il valore di Euro 2.500.000,00, come sancito dall’Aiuto di Stato di riferimento riguardante il “Metodo nazionale per calcolare l’elemento di aiuto nelle garanzie a favore delle PMI”, approvato dalla Commissione Europea, e non potrà superare il massimale di Euro 1.500.000,00 nel caso in cui la garanzia sia concessa secondo il regime “de minimis”.

Qualora le domande di agevolazione siano presentate da imprese operanti nel settore del trasporto su strada, i massimali di garanzia concedibili, di cui sopra, sono ridotti della metà. I medesimi massimali, per le imprese agricole, sono stabiliti, rispettivamente, in Euro 112.500,00 ed Euro 56.250,00 (a seconda se la durata della garanzia è inferiore a 5 anni o compresa tra 5 e 10 anni) e, per le imprese operanti nel settore della pesca, in Euro 450.000,00 ed Euro 225.000,00 (con riferimento alle medesime durate).