L.R. 12/2002. Finanziamento a fondo perduto per le imprese artigiane di piccolissime dimensioni. Anno 2022.

Descrizione Bando

Il bando eroga contributi per l’ottenimento di garanzie, oneri finanziari e per l’acquisizione di consulenze.

Soggetti beneficiari

Imprese artigiane di piccolissime dimensioni iscritte all’Albo provinciale delle imprese artigiane

Per imprese artigiane di piccolissime dimensioni si intendono quelle rientranti nella definizione di microimpresa (massimo 9,99 dipendenti) e realizzano un fatturato annuo oppure presentato un totale di bilancio annuo non superiori a 500.000,00 euro.

Tipologia di interventi ammissibili

Interventi finanziabili:

a) spese sostenute per l’ottenimento di garanzie in relazione a operazioni creditizie destinate al finanziamento dell’attività aziendale;

b) spese sostenute per il pagamento degli oneri finanziari relativi all’effettuazione di operazioni bancarie destinate al finanziamento dell’attività aziendale;

c) spese sostenute per l’acquisizione di consulenze finalizzate alla pianificazione finanziaria aziendale.

 

Spese ammissibili 

a) Per le iniziative di cui alla lettera a) sono ammissibili le spese sostenute nell’esercizio finanziario precedente alla data di presentazione della domanda, relative al premio e alle spese di istruttoria per l’ottenimento di garanzie, in forma di fideiussioni o di garanzie a prima richiesta, rilasciate nell’interesse dell’impresa beneficiaria da banche, istituti assicurativi e confidi, riferite (per competenza), all’esercizio finanziario antecedente all’anno di presentazione della domanda di contributo;

b) Per le iniziative di cui alla lettera b) sono ammissibili le spese sostenute nell’esercizio finanziario precedente alla data di presentazione della domanda, relative agli interessi passivi e alle spese di istruttoria e di perizia per la concessione del finanziamento bancario, riferite (per competenza) all’esercizio finanziario antecedente all’anno di presentazione della domanda di contributo;

c) Per le iniziative di cui alla lettera c) sono ammissibili spese relative alle consulenze effettuate da professionisti iscritti all’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili relative alla redazione di un piano finanziario aziendale comprendente, tra l’altro, l’analisi dei flussi di cassa e sostenute nei dodici mesi antecedenti la data di presentazione della domanda di contributo.

Entità e forma dell’agevolazione

Sono ammesse a contributo le iniziative la cui spesa complessiva ammissibile rientra nei seguenti limiti:

  • incentivi per le spese sostenute per l’ottenimento di garanzie a operazioni bancarie destinate al finanziamento dell’attività aziendale:

– importo minimo pari a 500,00 euro
– importo massimo pari a 5.000,00 euro

  • incentivi per le spese sostenute per il pagamento degli oneri finanziari relativi all’effettuazione di operazioni bancarie destinate al finanziamento dell’attività aziendale:

– importo minimo pari a 500,00 euro
– importo massimo pari a 10.000,00 euro

 

L’intensità dell’aiuto è pari al 50% delle spese ammissibili più un eventuale 5% se all’impresa è stato attribuito il rating di legalità dall’autorità Garante della concorrenza e mercato.

Scadenza

Presentazione domande dal 31/03/2022 al 30/11/2022.

A seguito della proroga, le domande di contributo possono essere inviate fino alle ore 16,00 del 31/12/2022.