PSR 2014/2020. Area Interna Mercure – Alto Sinni – Val Sarmento e Montagna Materana. Misura 4.2. Finanziamento a fondo perduto per investimenti a favore della trasformazione/commercializzazione e/o dello sviluppo dei prodotti agricoli.

Descrizione Bando

L’avviso mira ad incentivare investimenti da parte delle imprese agroalimentari operanti nelle aree interne “Montagna Materana” e “Mercure Alto Sinni Val Sarmento”, con la finalità di accrescere l’intero settore e la capacità risposta alle esigenze e agli orientamenti del mercato.

Limitatamente all’area Interna “Mercure Alto Sinni Val Sarmento”, sono ammissibili al sostegno anche investimenti in attività “no food”.

Ambiti territoriali di riferimento:

AREA MONTAGNA MATERANA: Accettura, Aliano, Cirigliano, Craco, Gorgoglione, Oliveto Lucano, San Mauro Forte, Stigliano

AREA MERCURE ALTO SINNI VAL SARMENTO: Calvera, Carbone, Castelluccio Inferiore, Castelluccio Superiore, Castronuovo di S. Andrea, Cersosimo, Chiaromonte, Fardella, Francavilla in Sinni, Noepoli, Rotonda, San Costantino Albanese, San Giorgio Lucano, San Paolo Albanese, San Severino Lucano, Senise, Teana, Terranova di Pollino, Viggianello.

Soggetti beneficiari

Imprese singole o associate operanti nella trasformazione, commercializzazione e/o nello sviluppo di prodotti agricoli limitatamente alle filiere approvate a corredo dei rispettivi Accordi di Programma quadro (esclusi i prodotti della pesca) e nello  specifico nei seguenti ambiti:

• per l’area della Montagna Materana: cerealicolo (dal grano alla pasta); zootecnico (dalla produzione primaria alla carne e ai formaggi); olivicolo (dalle olive all’olio); delle produzioni minori (pistacchio, melograno, tartufo)

• per l’area Mercure Alto Sinni Val Sarmento: investimenti finalizzati alla creazione di nuove microfiliere agro-alimentari (farina di carosella, peperone di Senise IGP, melanzana rossa di Rotonda, fagiolo bianco di Rotonda, tartufo bianco del Serrapotamo, Sambuco di Chiaromonte, “Rappasciona“ di Viggianello, “Raskatiell” di Fardella, cipolla di Francavilla, patata bianca e rossa del Pollino di Teana, Terranova e San Severino), e di filiere no food (piante e erbe officinali, tessuti di origine vegetali del Pollino).

Tipologia di interventi ammissibili

Sono ammissibili solo investimenti riferiti alle filiere con specifico riferimento a:

• ristrutturazione di immobili connessi all’attività di stoccaggio anche di prima lavorazione, trasformazione e commercializzazione
• acquisto macchine e attrezzature afferenti l’attività di stoccaggio anche di prima lavorazione, trasformazione e commercializzazione
• mezzi mobili esclusivamente per il trasporto dei prodotti trasformati
• acquisto/sviluppo di software, hardware e di brevetti

Nell’ambito degli investimenti sopra precisati, inoltre, sono ammissibili a finanziamento le seguenti tipologie di spese:

• spese per opere edili – strutturali legate ad investimenti su manufatti aziendali per lo stoccaggio anche di prima lavorazione, trasformazione e commercializzazione;
• macchinari, impianti ed attrezzature relativi a manufatti aziendali per lo stoccaggio, trasformazione e commercializzazione, software ed hardware, brevetti e licenze, veicoli commerciali per il trasporto dei prodotti trasformati;
• spese generali, quali spese tecnico – progettuali, direzione lavori, consulenze agronomiche – forestali, geologiche ed ambientali, costi per il rilascio di autorizzazioni e nulla osta fino al 10% della spesa ammessa, ovvero sino ad un massimo del 4% della spesa ammessa per investimenti in sole macchine e/o attrezzature. Nelle spese generali sono compresi eventuali costi per il rilascio di garanzie

Entità e forma dell’agevolazione

La dotazione finanziaria pubblica attivata è pari a € 1.328.000,00, così distribuiti per le due aree:

Area interna Montagna Materana € 653.000,00 Area interna Mercure Alto Sinni Val Sarmento € 675.000,00

Il sostegno sarà erogato sotto forma di contributo in conto capitale con le seguenti percentuali di sostegno:

– 50% dell’investimento totale per le PMI: l’appartenenza alla categoria delle PMI e grandi imprese deve essere certificata con apposita attestazione

– 40% dell’investimento totale solo nel caso di Grandi Imprese

Scadenza

31 DICEMBRE 2022