PO FEAMP 2014/2020. MISURA 1.42. CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO FINO AL 50% PER VALORIZZARE L’ UTILIZZO DELLE CATTURE INDESIDERATE.

DESCRIZIONE COMPLETA DEL BANDO

Bando pubblicato sul Supplemento n. 182 del BUR n.43 del 23/10/2019

La Misura prevede investimenti per la creazione di valore aggiunto e/o per il miglioramento della qualità del pesce catturato in conformintà alle nuove disposizioni della Politica Comune della Pesca, che prevedono il divieto di rigetti in mare, come conseguenza del depuramento degli stock ittici.

SOGGETTI BENEFICIARI

Soggetti ammissibili al finanziamento:

  • Armatori di imbarcazioni da pesca;
  • Proprietari di imbarcazioni da pesca.

Gli interventi rigurdano il territorio del FLAG “Alto Tirreno Toscano”.

TIPOLOGIA DI INTERVENTI AMMISSIBILI

Sono ritenuti ammissibili i seguenti interventi:

  • investimenti che valorizzino  prodotti della pesca, in particolar consentendo ai pescatori di provvedere alla trasmormazione delle proprie catture;
  • investimenti che valorizzino  prodotti della pesca, in particolar consentendo ai pescatori di provvedere alla commercializzazione delle proprie catture;
  • investimenti che valorizzino  prodotti della pesca, in particolar consentendo ai pescatori di provvedere alla vendita diretta delle proprie catture;
  • investimenti innovativi a bordo sugli attrezzi selettivi per ridurre al minimo le catture indesiderate in grado di migliorare la qualità dei prodotti della pesca.
Le principali categorie di spese ammissibili riguardano costi sostenuti per l’attuazione dell’operazione, costi di investimento chiaramente connessi all’attività di progetto (ad esempio, acquisto di macchinari e attrezzature), investimenti a bordo che migliorino la qualità dei prodotti della pesca nonché al miglior uso possibile delle catture indesiderate e di valorizzare al meglio la parte sotto sfruttata del pesce catturato.

ENTITA’ E FORMA DELL’ AGEVOLAZIONE

La misura prevede un’intensità massima dell’aiuto pari al 50% delle spese ammesse sulla base dei costi sostenuti dai beneficiari.

SCADENZA

25 novembre 2019