POR FESR 2014/2020. AZIONE I.1.B.1.2 FINANZIAMENTO A FONDO PERDUTO FINO AL 50% PER PROGRAMMI DI SVILUPPO DI CLUSTER REGIONALI.

DESCRIZIONE DEL BANDO

Il bando finanzierà un Programma di sviluppo di Cluster regionali proposto e realizzato da un partenariato, costituito o costituendo, di soggetti gestori di Poli di innovazione e chiaramente articolato nelle tre traiettorie della Trasformazione Digitale, della Transizione Ecologica e del Benessere delle Persone e della comunità.

Soggetti beneficiari

Sono ammissibili a finanziamento i partenariati, costituiti o costituendi, di soggetti identificabili come gestori di “Poli di Innovazione” secondo la definizione che di seguito si riporta:

“strutture o raggruppamenti organizzati di parti indipendenti (quali start-up innovative, piccole, medie e grandi imprese, organismi di ricerca e di diffusione della conoscenza, organizzazioni senza scopo di lucro e altri pertinenti operatori economici) volti a incentivare le atività innovative mediante la promozione, la condivisione di strutture e lo scambio di conoscenze e competenze e contribuendo efficacemente al trasferimento di conoscenze, alla creazione di reti, alla diffusione di informazioni e alla collaborazione tra imprese e altri organismi che costituiscono il polo”.

I partenariati possono essere strutturati giuridicamente secondo tre diverse modalità:

• costituiti mediante un’associazione temporanea di scopo, all’interno della quale i soggetti aderenti (che rispondono ai requisiti di cui sopra) conferiscono un mandato collettivo speciale senza rappresentanza ad un soggetto giuridico;

• costituito nella forma di un consorzio od una società consortile;

• costituito nella forma di Rete – Soggetto

Ciascun soggetto deve essere in possesso dei seguenti requisiti al momento della presentazione della domanda:

– dimostrare una solida competenza nel presidiare una o più aree di specializzazione e/o traiettorie trasversali della S3 2014-2020 e corrispondenti alle prevalenti e distintive specializzazioni produttive regionali, per un periodo antecedente di almeno 5 anni;

– essere sufficientemente rappresentativo di istanze imprenditoriali e industriali del territorio regionale ovvero includere al proprio interno una presenza qualificata di imprese dell’area da essi rappresentata.

Inoltre, ciascun soggetto, al momento della presentazione della pre proposal deve avere sede operativa nel territorio regionale o impegnarsi a costituirla entro la data del primo pagamento del contributo.

Tipologia di interventi ammissibili

Per candidarsi alla selezione, i Programmi proposti dovranno avere durata massima di 24 mesi e dovranno riguardare le seguenti attività:

  • animazione e messa in rete del sistema regionale dell’innovazione e ricerca;
  • elaborazione di roadmap tecnologiche in riferimento alle tre traiettorie di Transizione Digitale, Transizione Ecologica e Benessere delle persone e delle comunità;
  • supporto al processo di governance e di scoperta imprenditoriale della S3, promuovendo la logica di innovazione aperta e correlata tra settori e aree di specializzazione;
  • attività di supporto alla partecipazione degli attori del sistema regionale dell’innovazione e della ricerca a iniziative, reti e piattaforme extra regionali, e promozione dell’internazionalizzazione del sistema;supporto all’identificazione dei fabbisogni formativi delle imprese, al fine di contribuire all’incontro tra domanda e offerta formativa;
  • identificazione di progettualità di eccellenza nel sistema della ricerca e dell’innovazione, disseminazione e valorizzazione dei risultati dei progetti e costruzione di una vetrina di best practice, anche al fine di favorire processi di trasformazione dei risultati in valore industriale ed economico;
  • favorire un maggiore coinvolgimento del sistema imprenditoriale nelle politiche pubbliche a supporto della R&D, mediante azioni di intercettazione delle imprese non coinvolte nei programmi di aiuto per l’innovazione e promozione della cooperazione tra le imprese stesse nonché tra imprese e attori della ricerca.
Tra le candidature che perverranno verrà selezionato pertanto un solo Programma secondo una procedura in due fasi, così strutturata:

1. pre-proposal, contenente la descrizione del profilo, delle esperienze e competenze pregresse di ciascun Soggetto partecipante, e la descrizione sintetica del programma di attività, complessivo e articolato nelle tre traiettorie citate, con l’evidenziazione del ruolo di ciascun Soggetto;

2. presentazione del programma di attvità dettagliato, a seguito di selezione delle pre-proposal pervenute.
I programmi proposti dovranno riguardare le seguenti attività:

– animazione e messa in rete del sistema regionale dell’innovazione e ricerca;

– elaborazione di roadmap tecnologiche in riferimento alle tre traie-orie di Transizione Digitale, Transizione Ecologica e Benessere delle persone e delle comunità;

– supporto al processo di governance e di scoperta imprenditoriale della S3, promuovendo la logica di innovazione aperta e correlata tra se-ori e aree di specializzazione;

– attvità di supporto alla partecipazione degli attori del sistema regionale dell’innovazione e della ricerca a iniziative, reti e piattaforme extra regionali, e promozione dell’internazionalizzazione del sistema;

– supporto all’identificazione dei fabbisogni formativi delle imprese, al fine di contribuire all’incontro tra domanda e offerta formativa;

– identificazione di proge-ualità di eccellenza nel sistema della ricerca e dell’innovazione, disseminazione e valorizzazione dei risultati dei progetti e costruzione di una vetrina di best practice, anche al fine di favorire i processi di trasformazione dei risultati in valore industriale ed economico;

– favorire un maggiore coinvolgimento del sistema imprenditoriale nelle politiche pubbliche a supporto della R&D, mediante azioni di interce-azione delle imprese non coinvolte nei programmi di aiuto per l’innovazione e promozione della cooperazione tra le imprese stesse nonché tra imprese e a-ori della ricerca.

Sono considerate ammissibili le seguenti voci di spesa, a condizione che siano relative ad attività avviate dopo l’invio della Pre proposal e che siano stre-amente connesse alle attività di cui al precedente paragrafo e comprese nel programma ammesso a finanziamento:

a) spese per personale;

b) spese per consulenze e per prestazioni ad alto contenuto specialistico. Non sono in alcun caso ammesse le consulenze a cara-ere ordinario di tipo fiscale, legale, amministrativo e simili;

c) Spese per comunicazione, promozione e animazione , comprese le spese di trasferta stre-amente necessarie la realizzazione del programma di attività;

d) Spese diverse: spese generali, spese per materiali vari, stre-amente connesse alle attività ammissibili e nella misura massima del 20% del totale delle spese di cui alle precedenti lettere a) e b).

Entità e forma dell’agevolazione

La dotazione finanziaria è di € 1.255.700,00

Il sostegno avviene mediante la concessione di un contributo a fondo perduto fino ad un massimo del 50% delle spese ammissibili.