PROVINCIA DI BOLZANO PER SUPPORTARE INVESTIMENTI PRODUTTIVI ED INNOVATIVI

DESCRIZIONE COMPLETA DEL BANDO 

I presenti criteri disciplinano la concessione di agevolazioni in applicazione di quanto previsto dalle leggi provinciali 13 febbraio 1997, n. 4, e 15 aprile1991, n. 9,  in particolare:

  • “Interventi per il sostegno di investimenti aziendali”;
  • “Interventi per la promozione di servizi di consulenza, della formazione e della diffusione di conoscenze”;
  • “Interventi per la creazione di posti lavoro”;
  • “Interventi per il sostegno all’internazionalizzazione”.

SOGGETTI BENEFICIARI

Possono richiedere domanda di contributo le imprese rientranti nei seguenti settori:

  • artigianato
  • industria
  • commercio
  • servizi
  • liberi professionisti e lavoratori autonomi
  • trasporto
  • turismo

TIPOLOGIA DI INVESTIMENTI AMMISSIBILI

Sono ammessi alle agevolazioni
investimenti per:

  • crescita: sono ammessi investimenti iniziali, investimenti per nuovi prodotti/servizi, investimenti di ampliamento ed aggiuntivi qualora volti all’ammodernamento e ristrutturazione della struttura aziendale con conseguente miglioramento delle condizioni di lavoro e/o aumento della produttività e/o aumento dell’occupazione.
  • innovazione: sono ammessi gli investimenti conseguenti ad un progetto di ricerca e sviluppo
  • servizi di vicinato.

ENTITÀ E FORMA DELL’AGEVOLAZIONE

Investimenti per crescita

Tipo investimento In regime di esenzione A titolo de minimis
Piccole imprese Immobiliari/Mobiliari dal 13% al 20% dal 20% al 23%
Medie imprese Immobiliari/Mobiliari dal 7,5% al 10% dal 10% al 15%
Grandi imprese Immobiliari/Mobiliari dal 7,5% al 15%

Investimenti per innovazione

Tipo investimento In regime di esenzione A titolo de minimis
Piccole imprese Immobiliari/Mobiliari  20% 30%
Medie imprese Immobiliari/Mobiliari 10% 30%
Grandi imprese Immobiliari/Mobiliari 30%

Investimenti per servizi di vicinato

L’intensità  massima concessa è pari al 40%.

Sono previste intensità specifiche per le imprese operanti nel settore dei trasporti.

Le spese sono ammesse nella misura massima complessiva di 200.000 Euro all’anno per azienda.

FINO AD ESAURIMENTO FONDI