SIMEST. FINANZIAMENTO A FONDO PERDUTO E FINANZIAMENTO A TASSO AGEVOLATO PER L’INTERNAZIONALIZZAZIONE ATTRAVERSO IL COINVOLGIMENTO DEL TEMPORARY EXPORT MANAGER.

DESCRIZIONE DEL BANDO 

Il bando persegue l’obiettivo di sostenere Sostenere interventi di internazionalizzazione mediante il coinvolgimento di persone e/o agenzie in grado di facilitare lo sviluppo commerciale e la visibilità dell’azienda su specifici mercati esteri. Le risorse saranno coinvolte da una società di TEM (Temporary Export Manager) riconosciuta.

Per partecipare alla misura oggetto di approfondimento è necessaria, a titolo di condizione indispensabile il coinvolgimento di un ente riconosciuto quale “TEM” da Ministero dello Sviluppo Economico o equipollente.

Soggetti beneficiari

A tutte le imprese con sede legale in Italia (anche costituite in forma di “Rete Soggetto”) che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci depositati, relativi a due esercizi completi.

Sono in ogni caso escluse le Società classificate con i seguenti codici ATECO 2007:

 

  • SEZIONE A – Agricoltura, Silvicoltura e Pesca;
  • SEZIONE C – Attività manifatturiere di cui alle classi 10.11 e 10.12

Tipologia di interventi ammissibili

Sono ammessi a finanziamento i contratti di prestazioni di consulenze erogate da Società di Servizi per il tramite di un TEM e finalizzate allo sviluppo internazionale della Società presso un massimo di 3 Paesi Extra UE (con previsione di imminente allargamento anche a Paesi UE).

I contratti di servizio devono:

a) avere durata 6-24 mesi
b) identificare TEM designati ed oggetto delle prestazioni
c) indicare calendario interventi, paesi di destinazione, corrispettivo economico, varie ed eventuali.

 

Le spese che possono essere finanziate riguardano:

 

  • spese per le prestazioni professionali – e temporanee – del TEM nella misura minima del 60% del contributo concesso
  • strettamente necessarie alla realizzazione del progetto
    • o Spese per attività di marketing e promozionali;
    • o Spese per integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali;
    • o Spese per la realizzazione/ammodernamento di modelli organizzativi e gestionali;
    • o Spese di ideazione per l’innovazione/adeguamento di prodotto e/o servizio;
    • o Spese per le certificazioni internazionali e le licenze di prodotti e/o servizi, deposito di marchi o altre forme di tutela del made in Italy;
    • o Spese per attività di supporto:
      • Spese per la formazione interna/esterna del personale amministrativo o tecnico;
      • Spese di viaggio e soggiorno da parte degli amministratori e/o titolari dell’impresa richiedente;
      • Spese di viaggio e soggiorno (incoming) di potenziali partner locali (esclusa la clientela);
      • Spese legali per la costituzione di società controllate locali o filiali gestite direttamente

Entità e forma dell’agevolazione

Contributo a fondo perduto fino al 50% dell’ammontare dell’investimento25 combinato a un finanziamento per la restante parte ad un tasso prossimo allo zero – per un importo non superiore al 15% dei ricavi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati del richiedente – con tasso di interesse pari al 10% del tasso di riferimento UE26.
L’importo finanziabile minimo è di 25.000 € e massimo di 150.000 €.
La durata complessiva del finanziamento è di 4 anni (di cui 2 di preammortamento e 2 di ammortamento) a decorrere dalla data di perfezionamento del contratto.
A tutti i richiedenti è fatta salva la possibilità fino al 30 Giugno 2021, di accedere al finanziamento senza necessità di presentare garanzie.